Nutrizione e salute

La PATATA e i suoi benefici

 

 

La patata è un tubero commestibile ottenuto dalle piante della specie Solanum tuberosum, molto utilizzato a scopo alimentare.

 

Dal punto di vista nutrizionale le patate sono conosciute principalmente per l'alto contenuto in carboidrati (circa 26 grammi in una patata di 150 g, cioè medie dimensioni), presenti principalmente sotto forma di amidi.

Una piccola ma significativa parte di tali amidi delle patate è resistente agli enzimi presenti nello stomaco e nell'intestino tenue, sì da raggiungere l'intestino crasso quasi intatto, questi amidi hanno effetti fisiologici pari a quelli delle fibre alimentari.

 

 

Le patate sono fonte di importanti vitamine e minerali.

Una patata di medie dimensioni (150 g), consumata con la buccia, fornisce 27 mg di vitamina C (45% della dose giornaliera raccomandata), 620 mg di potassio(18% della dose giornaliera raccomandata), 0,2 mg di vitamina B5 (10% della dose giornaliera raccomandata), oltre a tracce di tiamina, riboflavina, folati, niacina, magnesio, fosforo, ferro e zinco.

Inoltre il contenuto di fibre di una patata con buccia (2 g) è pari al contenuto di fibre del pane integrale, della pasta e dei cereali.

Oltre alle vitamine, ai minerali ed alle fibre, le patate contengono svariati composti fitochimici, quali icarotenoidi ed i polifenoli.

 

Non tutte le sostanze nutritive delle patate si trovano nella buccia; questa contiene circa la metà delle fibre, ma più della metà delle sostanze nutritive sono contenute nella polpa. La cottura può alterarle notevolmente.

 

Le patate novelle e le varietà a forma allungata contengono una quantità minore di sostanze tossiche, e rappresentano una fonte eccellente di nutrienti.

Le patate sbucciate e conservate a lungo perdono parte delle proprie proprietà nutrizionali, benché mantengano il proprio contenuto di potassio e vitamina B.

Le patate sono spesso escluse dalle diete a basso indice glicemico, in quanto si ritiene che possiedano un'alta quantità di glucidi. In realtà l'indice glicemico delle patate varia in maniera considerevole a seconda della loro varietà (patata a buccia rossa, a pasta bianca, eccetera), della loro origine (zona di coltivazione), della preparazione (metodo di cottura, se consumata fredda o calda, in purè, a tocchetti o intera ecc.), e degli altri cibi con cui si accompagna (salse ricche di grassi o ad alto contenuto proteico).

 

 I vari tipi di patate

 

I quattro tipi di patata piu' commercializzata :

 

  • Patate a pasta gialla, dalla polpa compatta, derivano il loro colore dalla presenza di caroteni. Sono impiegate per le patatine fritte industriali e casalinghe, ma sono adatte anche per le insalate e le cotture in forno.

 

  • Patate a pasta bianca, dalla polpa farinosa che si spappola durante la cottura. Sono adatte ad essere schiacciate, per esempio nel purè, nelle crocchette o negli gnocchi.

 

  • Patate novelle, caratteristiche per la buccia sottile, vengono raccolte quando la maturazione non è completa. Sono a breve conservazione e andrebbero bollite con la buccia.

 

  • Patate a buccia rossa e pasta gialla, caratterizzate dalla polpa soda che le rende indicate per le cotture intense quali cartoccio, forno e frittura.

 

 

La CIPOLLA e i suoi benefici

 

La cipolla è una pianta coltivata bulbosa attribuita alla famiglia delle Liliaceae.

 

È una pianta erbacea biennale il cui ciclo di vita, in coltivazione, viene interrotto a un anno al fine di destinarla al consumo.

 

 Il suo utilizzo principale è quello di alimento e condimento, ma è anche adoperata a scopo terapeutico per le proprietà attribuitele dalla scienza e dalle tradizioni della medicina popolare.Le cipolle sono ricche di vitamine e sali minerali. 

 

Vengono coltivate per i loro fusti verdi, detti scaglioni, e per i loro bulbi. Hanno bisogno di un terreno ricco e umido ma mai troppo inzuppato di acqua.

 

Diversi tipi di cipolla richiedono diverse condizioni climatiche e diverse ore di sole ogni giorno. Una volta avvenuta la semina bisogna attendere dai 90 ai 120 giorni prima del raccolto.

Nei climi miti la cipolla può essere coltivata anche in inverno, altrimenti la cipolla è una pianta tipicamente primaverile.

 

La cipolla è uno degli aromi più usati nella cucina di tutti i paesi ed esalta gli altri ingredienti usati nei vari piatti della cucina nazionale e internazionale.

I vari tipi di cipolle

 

 

Esistono molte varietà di cipolle, che prendono in genere il nome dalla zona di coltivazione, dalla forma, dal colore, dalle dimensioni del bulbo, dalla precocità o, più in generale, dal colore delle tuniche esterne (cioè la buccia che ricopre il globo interno).

 

Tale buccia può essere bianca, giallo-dorata o rossa.

Varietà comuni in Italia

 

  • cipolla rossa di Tropea, Calabria

  • cipolla rossa di Acquaviva delle Fonti, Puglia

  • cipolla rossa di Suasa, Marche

  • cipolla rossa di Certaldo, Toscana

  • cipolla ramata di Montoro, Campania

  • cipolla di Vatolla, Campania

  • cipolla borettana, Emilia-Romagna

  • cipolla di Brunate: piccola, bianca, ottima per la preparazione di sottaceti (zona del Lago di Como).

  • cipolla di Cannara, Umbria

  • cipolla dolce

  • cipolla di Banari, Sardegna

  • cipolla rossa di Cavasso Nuovo, Friuli-Venezia Giulia

Richiedi tutte le info compilando gratuitamente il form qui sotto

 

 

Compila i campi per avere entro 48 ore e Senza nessun Impegno tutte 

le informazioni che desideri sui nostri prodotti, e un contatto da parte nostra senza obbligo per te.

Cliccando sul tasto INVIA, dichiaro di aver letto l'INFORMATIVA PRIVACY ed esprimo il mio consenso al trattamento dei dati per le finalità indicate.

NON riceverai MAI Spam e potrai cancellarti in qualunque momento con 1 semplice click!

Entro 48 ore riceverai tutte le informazioni richieste.

Questo sito utilizza dei cookies per offrire un servizio migliore. Cliccando sul link "Policy – Cookies e tutela della Privacy",

puoi trovare le informazioni. Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy.